Scrivi per cercare

Si, il Huawei P30 Pro può fotografare la Via Lattea

Una delle situazioni che mette più alla prova una fotocamera è riuscire a catturare il cielo stellato e, più nello specifico, la Via Lattea. Ecco perché quando si è cominciato a parlare delle doti fotografiche del P30 Pro più di una persona si è subito chiesta cosa riuscisse a fare da questo punto di vista.

Il fotografo Justin Ng ci ha provato il giorno stesso che ha ricevuto il telefono e ha pubblicato una prova a riguardo per il noto portale PetaPixel che riporto qui sotto.


Il Huawei P30 Pro è arrivato alle 4:30 del pomeriggio del 6 aprile, e sapevo che il cielo notturno di Mersing sarebbe stato perfetto per provare questa bestia a bassa luminosità. Avevo letto molte recensioni positive su P30 Pro, ma ero ancora scettico, quindi ho prenotato una camera presso il mio solito resort nello stesso giorno e ho guidato 3 ore per arrivarci.

Sono arrivato a mezzanotte e ho aspettato pazientemente per 2,5 ore prima di estrarre il mio P30 Pro e ho scattato un’istantanea del mio resort. Ecco ed eccola! La Via Lattea era visibile!

Ad essere onesti non mi aspettavo che fosse così facile! Tutto ciò che ho fatto è stato quello di puntare e scattare a mano libera in modalità Foto (con l’IA abilitata automaticamente) e lasciare che il P30 Pro eseguisse la sua magia. Molti dei miei amici mi hanno chiesto cosa ho fatto all’immagine, e alcuni hanno anche pensato che l’abbia illuminata, ma no! Non ho fatto niente. Niente di niente. Qui ci sono più immagini dei miei tentativi.

Ho anche deciso di provare uno star trail, e sono contento del risultato, anche se ho dovuto interrompere le riprese dopo circa 32 minuti perché ho visto una macchina che si avvicinava.

Poi ho anche provato a fotografare la Via lattea in Modalità notte, ma la qualità dell’immagine non è buona come quella scattata in modalità Foto.

Dopo aver provato a me stesso che la Via Lattea può essere fotografata a mano con il mio Huawei P30 Pro a Mersing, in Malesia, mi sono convinto che sarebbe valsa la pena portare lo smartphone al viaggio di astrofotografia al Monte Bromo dal 3 al 6 maggio. E poiché penso che catturare la Via Lattea e le aurore sia un pò troppo mainstream oggi, ho deciso di provare a catturare le meteore e a produrre immagini della Via Lattea simil-DSLR con il telefono così ho potuto invece riempire la mia borsa fotografica con gli spuntini.

Ho catturato molte meteore Eta Aquarid con la mia fidata DSLR a Bromo negli ultimi 8 anni, ma non avevo ancora provato con uno smartphone, quindi sarebbe la prima volta per me.

Mentre i miei amici erano occupati a impostare le loro reflex digitali, ero impegnato a configurare il mio P30 Pro sul mio treppiede (che non richiedeva molto tempo). Forse ti starai chiedendo perché non ho provato a a mano libera. Bè, fotografare le meteore è diverso dal fotografare la Via Lattea, per ovvi motivi. Non so quando e dove appariranno le meteore Eta Aquarid e quindi devo montare il P30 Pro su un treppiede perché non posso tenerlo con le mani tutta la notte.

Così, ho installato un’app chiamata Intervalometer e l’ho attivata, facendo in modo che il P30 Pro continuasse a scattare in base al tempo di esposizione e all’intervallo impostato. Verso le 4:33 del 5 maggio, una debole meteora Eta Aquarid è finalmente comparsa sopra il vulcano attivo, il Monte Bromo, durante l’ora blu prima dell’alba e il mio onnipotente P30 Pro è riuscito a catturarla! Ho usato il suo obiettivo grandangolare nella modalità Pro (ISO 3200 e tempo di posa 30 secondi) per fare il lavoro.

La “stella” luminosa vicino al Centro Galattico della Via Lattea è in realtà il pianeta Giove. L’inquinamento luminoso sotto la nebbia proveniva dalle jeep che si dirigevano verso la vetta per catturare la bellissima alba.

È estremamente rumorosa, ma non è mai un problema per me perché la maggior parte delle immagini astronomiche non elaborate sono comunque rumorose. Quindi ho scattato 20 immagini con il P30 Pro e le ho sovrapposte per ridurre il rumore e potete vedere il risultato qui sotto. È fantastico.

Ora, è accettabile per me considerando che ho usato solo 20 immagini per eliminarlo. Non ho rimosso la piccola vegetazione sottostante per mostrare che l’immagine è stata presa dallo stesso punto dell’immagine sopra rumorosa. Ed ecco l’immagine finale.

La debole meteorite Eta Aquarid non è nell’immagine ora, ed è perché ho usato la modalità di sovrapposizione “mediana”: un oggetto che si muove e visibile solo in un fotogramma probabilmente “svanirà”. Qualsiasi oggetto che non si muove o si muove molto lentamente, come l’inquinamento luminoso delle jeep sotto la nebbia, probabilmente resterà lì.

Nel complesso, trovo accettabili le immagini di astrofotografia del P30 Pro, ma preferirei comunque usare una reflex digitale per le riprese serie. Ma poi come sempre, la migliore fotocamera è quella che hai con te.

Tags: