Scrivi per cercare

Primi test del sensore Sony da 101 MP

Sony ha indirettamente conquistato il settore delle medio formato grazie al suo sensore da 101 MP utilizzato sui pochi esemplari attualmente in commercio come la Phase One XF. Recentemente DPreview e ImageResource lo hanno testato e queste sono le loro conclusioni:

DPreview scrive che le performance sono sensazionali

  • L’ammontare dei dettagli che può catturare è astronomico, ma quello che ho apprezzato di più è la qualità del 3D che cosi tanti pixel dedicati alla transazioni tonali possono creare
  • Uno degli elementi migliori è la gamma dinamica, che può registrare dalle tonalità più buie alle luci più alte in una sola immagine e che sono visibili dal software Capture One.
  • Il bisogno di filtri graduati per la densità neutra con questa fotocamera è decisamente diminuito, ed è molto difficile fare un’esposizione cosi sbagliata da impedire di ottenere un’immagine decente : come ai tempi della pellicola

ImageResource invece scrive che le performance sono sbalorditive

  • Questa fotocamera può catturare una quantitative insana di dettagli ! Sono abbastanza sicuro che ci si possa fermare qui. Le immagini sono incredibili
  • Sono stato in grado di recuperare tonnellate di dettagli nelle alte luci, dall’altra parte sono stato in grado di aprire le ombre recuperando tantissimi dettagli senza rumore.

Qui sotto potete vedere la differenza di dettagli tra la Phase One e la Canon 5DSr (la fullframe con il più alto numero di MP disponibile sul mercato).

canon-5dsr-vs-phase-one

Immagine di DPreview

È interessante notare che entrambi i siti hanno scritto che la sfida più difficile nello scatto a mano è evitare il mosso causato dal movimento dello specchio. Visto che Sony è il principale produttore di mirrorless e il sensore è già suo dovrebbe seriamente pensare a produrre una mirrorless medio formato.

 

Tags: