Scrivi per cercare

Recensione Canon 400mm f/4 DO IS II USM

The Digital Picture ha appena recensito il Canon 400mm f/4 DO IS II,una delle pochissime lenti al mondo dotata di un elemento ottico diffrattivo (che Canon comunica tramite la sigla DO) che in questa ottica raggiunge la sua terza revisione.. Questo elemento permette di costruire ottiche normalmente molto lunghe in maniera molto più compatta risparmiando peso e dimensioni.

Qui di seguito un breve estratto della recensione:

DO:L’utilizzo dell’elemento ottico diffrattivo generalmente porta alla mancanza di contrasto,ma in questa versione Canon sembra aver risolto il problema.

Versioni:Ci sono 3 versioni di questo obiettivo in casa Canon,un 2.8 un 4 e un 5.6, secondo il recensore si deve anche scegliere in base al tipo di situazioni in cui si andrà a fotografare (infatti suggerisce che in situazioni dove si deve passare inosservati è meglio scegliere in base alla dimensione per esempio).

Stabilizzatore: L’obiettivo ha uno stabilizzatore da 4 stop con 3 modalità. La prima per i soggetti statici,la seconda per il panning e la terza (che è una novità Canon aggiunta solo negli ultimi obiettivi usciti) per il tracking,dove lo stabilizzatore non entra in funzione finché non viene premuto completamene il pulsante di scatto e non viene rilasciato l’otturatore.

Qualità immagine: Il recensore spiega che la gamma di obiettivi 400mm non gli è mai andata molto a genio proprio perché le prestazioni ottiche non sono mai state proprio il massimo. Si è dovuto ricredere nel caso del 400mm do is II,che in questa versione rivista sembra raggiungere finalmente ottimi risultati. Viene fatto un piccolo confronto anche con il 400 5.6,il 10-400 ii e il 300mm con l’extender 1.4,e ne esce sempre bene.

Boken: Era uno dei punti deboli della prima versione,un’altro difetto causato dall’elemento ottico diffrattivo. In questa versione la situazione è migliorata molto,anche se ovviamente non ci sono miracoli.

Messa a fuoco: Canon ci ha abituato a ottime prestazioni di messa a fuoco con gli obiettivi USM,e questo 400mm do ii non delude. Comprende anche la funzione di preimpostazione,dove è possibile selezionare una distanza predefinita di messa a fuoco per ridurre al minimo il tempo.

Costruzione: Anche se non è un serie L la costruzione è praticamene perfetta. Il recensione spiega che l’unica differenza con un serie L è il cerchio verde invece che rosso.

 

Per la recensione completa vi rimando a The Digital Picture

 

 

Tags:
Articolo precedente