Scrivi per cercare

Recensione Canon EOS M5

Il sito Stuff.tv ha pubblicato una delle prime prove della nuova Canon EOS M5. Qui sotto potete trovare un breve estratto della recensione dove si parla del corpo e delle novità rispetto alla EOS M3.


L’anno scorso la EOS M3 era già un enorme miglioramento rispetto ai primi sforzi di Canon nel campo mirrorless, ma la neo-arrivata EOS M5 sembra destinata a superarla. Con un sensore APS-C che non sarebbe fuori luogo su una reflex top di gamma, molte caratteristico video e tutta la connettività wireless necessaria , potrebbe essere la mirrorless che i fan Canon stavano aspettando.

Dopo aver messo le mani su uno dei primi esemplari della EOS M5 ad un evento di anteprima questa settimana, sto pensando che potrebbe esserlo. Ecco perché.

canon_eos_m5-img-2

La EOS M5 sembra significare business. Basta dare uno sguardo allo stile simil-SLR. Ha comunque un certo peso, ma con un volume minore del 50% rispetto a una EOS 80D, quindi non sarà difficile metterla in una borsa. 

Abbiamo un sensore da 24.2MP APS-C che arriva a ISO 25600 per scatti in scarsa illuminazione, in coppia con un processore DIGIC 7. Questo la rende più veloce di 14 volte nell’elaborazione degli scatti rispetto della EOS M3 con il suo DIGIC 6. 

La messa a fuoco è stata un vero e proprio punto debole nei precedenti modelli; è bello vedere Canon affrontare il problema a testa alta con l’introduzione del sistema Dual Pixel. La raffica arriva a 7 fps con messa a fuoco automatica, o 9fps con fuoco fisso. Che è più che sufficiente per la maggior parte degli utilizzi, con il dual pixel AF che segue qualche soggetto voi puntiate.

recensione-canon-eos_m5-1

E ‘abbastanza sorprendente come Canon abbia spremuto tanti controlli sulla piastra superiore. C’è un rotella per il pulsante di scatto, una dedicata alla compensazione dell’esposizione, e una terza con una funzione di commutazione doppia che si trasforma in modo efficace in una quarta quando se ne ha bisogno. Sono tutte a portata di mano, ed è possibile personalizzarle praticamente con tutto quello che si vuole.  E ‘un peccato che il tutto non sia resistente alle intemperie come Fuji X-T2, e che la piastra superiore sia in plastica e non in metallo.

È possibile utilizzare il touchscreen o il mirino ed entrambi sono eccellenti, ma i puristi preferiranno probabilmente il mirino.Si tratta di un display a 2,36 milioni di punti a 120 fps, il che lo rende uno spasso assoluto da usare. Non c’è nessuna luce intermittente, nessun banding distrazione – non è ancora come guardare attraverso un vetro, ma va dannatamente bene.

Il touchscreen è utile quando si desidera ottenere qualcosa di creativo: si inclina di 90 ° verso l’alto e verso il basso di 180 °, in modo da poter scattare ad angoli alti o bassi, senza dover stare in piedi o sulla sedia – o scendere in ginocchio. E sì, si gira su se stesso per i selfie.
canon_eos_m5-img5

È abbastanza luminoso per le riprese in esterno, anche se quando ho provato era un tipico pomeriggio di settembre (cioè con pioggia). Dovrò provare quando il sole splende prima di emettere un verdetto finale.

Lo stesso vale per la qualità delle immagini:non mi è stato però permesso di prendere i miei scatti, quindi non ci sarà il confronto con le altre mirrorless fino in prossimità del giorno di lancio.

Non c’è 4K, che è un po ‘un peccato, ma si ha la registrazione 1080p a 60fps. C’è un ingresso microfono dedicato per la registrazione audio di alta qualità ma è l’autofocus “tocca e rilascia” che davvero ecciterà il filmmaker . È possibile utilizzare il touchscreen per muovere il punto di messa a fuoco in qualsiasi momento. Lo schermo si spegne ma la sensibilità al tocco rimane attiva, in modo da poter utilizzare il pollice e cambiare il punto focale senza perdere la vista della scena dal mirino. E geniale in azione, e qualcosa che può diventare indispensabile una volta che si inizia ad usarlo.


Potete leggere la recensione completa su Staff.tv a questo link

Canon EOS M10 su Amazon
Canon EOS M3 su Amazon
Canon EOS M5 su Amazon