CARICAMENTO

Scrivi per cercare

È un periodo complicato per Nikon

In questi giorni sta facendo notizia il fatto che Nikon abbia deciso di cancellare l’uscita della sua linea di fotocamere Nikon DL. Questa serie era già stata rinviata diverse volte e non è proprio un fulmine a ciel sereno che si sia optato per la cancellazione definitiva.

I problemi sono stati diversi. Inizialmente le DL sono state rimandate a causa di problemi di produzione, poi successivamente Nikon si è semplicemente accorta che mettere sul mercato quel prodotto, a quel punto, non era più economicamente conveniente.

Questo però è solo un sintomo di un problema più grande. Tutto il mercato fotografico è infatti in contrazione, le vendite sono calate un pò su tutti i segmenti, ed è sempre più difficile creare prodotti che facciano davvero una qualche differenza con quelli precedenti. Un piccola spinta al mercato è stata data dalle mirrorless, campo un cui però Nikon non è nemmeno entrata (se non contiamo la serie Nikon 1 che è stata purtroppo un fallimento).
A questo va aggiunta la vera e propria morte del mercato delle fotocamere compatte (cosa che probabilmente ha influito sulla decisione di fermare l’uscita delle Nikon DL) che come sappiamo oggi risultano un prodotto difficile da posizionare. Chi ha esperienza con la fotografia vira ormai su prodotti ben più completi e tutti gli altri si accontentano degli ormai onnipresenti smartphone.

La società ha quindi deciso di dare una ristrutturata generale alla compagnia, il che ha incluso purtroppo anche 1000 licenziamenti in tutto il mondo. Nikon infatti chiuse il 2015 con un profitto di 161 milioni di dollari, ma ha chiuso il 2016 con una perdita di 79 milioni. Basta anche dare un’occhiata all’interesse generale per il marchio Nikon nel corso degli anni.

Per i clienti è una buona o brutta notizia? Probabilmente positiva. Queste situazioni costringono le società a rivedere i loro progetti, a trovare nuove strade e cercare nuove soluzioni. E tutto questo non può che fare bene al cliente finale. Tony Northup ha anche pubblicato un video dove espone cosa Nikon dovrebbe cambiare per cambiare la situazione.

Tags: