CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Canon EOS R vs Nikon Z 6 vs Sony a7 III

Qui sotto trovate la traduzione di un’analisi del portale Dpreview sui 3 sistemi mirrorless FF attualmente in commercio.


Sony ha avuto il mercato mirrorless full frame in mano per quasi cinque anni. E, anche se ha fatto un ottimo lavoro con prodotti del calibro della a9, sono i modelli a7 più basilari che hanno avuto il maggior impatto. L’originale Sony a7 era la meno costosa fotocamera full-frame lanciata al tempo, il che ha contribuito a rendere il formato più accessibile di quanto non fosse stato dall’era del cinema. Ma non è più sola sia con la Z6 di Nikon che con la EOS R di Canon che arrivano entrambe nella fascia dei 2000 dollari.

Prima di andare oltre dovremmo chiarire che sono tutte buone fotocamere (la maggior parte delle fotocamere moderne lo sono), sono tutte molto ben costruite e possono scattare ottime foto, quindi non ascoltare nessuno che dica che una di esse è terribile. Tuttavia, ci sono differenze pratiche, quindi esamineremo ciò che ciascuna offre in diverse situazioni di ripresa.

Lealtà e inerzia

Questo articolo esamina principalmente le fotocamere stesse, ma le lenti dovrebbero svolgere un ruolo fondamentale in ogni decisione. Se non hai alcun impegno con un sistema esistente, puoi saltare al capitolo successivo, ma se già possiedi alcuni obiettivi, significa che devi rimanere nello stesso brand?

Potrebbe valere la pena fare un bilancio di quanto ti sei veramente impegnato con le tue lenti esistenti.
I proprietari di obiettivi Nikon possono adattarli a lavorare con le fotocamere Sony (e, in teoria, qualcuno intraprendente potrebbe sviluppare un adattatore F-mount per un adattatore RF Canon). Ma la complessa eredità di Nikon nei sistemi di attivazione automatica e di apertura del diaframma significa che adattarli ad altri corpi dà spesso un’esperienza piuttosto scadente. Ciò conferisce alla Nikon Z6 un po ‘di vantaggio per le lenti con attacco F, ma anche in questo caso, qualsiasi obiettivo senza il suo motore AF viene reso a fuoco manuale solo sulla Nikon.

Canon EF
mount lenses
Nikon F
mount lenses
Sony/Minolta
A-mount lenses
Canon
EOS R
Pienamente
funzionante
Non testato o
limitato
Non testato o
limitato
Nikon
Z6
Non testato o
limitato
Pienamente
funzionante con
lenti AF-S, AF-P, AF-I,
solo in MF
Non testato o
limitato
Sony
a7 III
Pienamente
funzionante con
adattatore
Sigma MC-11
Non testato o
limitato
Pienamente
funzionante

Gli obiettivi EF Canon funzionano allo stesso modo su EOS R e su Sony a7 III, quindi non devono essere un fattore decisivo nel fare questa scelta (anche se i tele lunghi funzionano meglio con EOS R). Se possiedi altri accessori Canon questo potrebbe farti virare verso la EOS R, ma se non altro negli anni ’80 la strategia di Canon fu lungimirante: i proprietari di obiettivi EF hanno la massima flessibilità.

Tuttavia, specialmente se provieni da APS-C, potrebbe valere la pena di fermarti e fare un bilancio di quanto ti sei veramente impegnato con gli obiettivi esistenti. L’obiettivo principale che ti piace così tanto su APS-C non adempirà lo stesso ruolo a pieno formato. E se hai solo un obiettivo davvero eccezionale, potresti scoprire che il suo valore di seconda mano ti consente di cambiare sistema senza troppe perdite.

Lenti native

Con i suoi cinque anni di vantaggio, Sony ha una gamma più ampia di obiettivi nativi disponibili per il suo attacco E. I sostenitori di Sony parlano del numero di obiettivi quando si tenta di dare un giudizio, ed è vero che l’azienda ha sviluppato alcuni piccoli obiettivi con autofocus veloce e ottimizzato. Ma l’ E-mount è un sistema relativamente giovane e grezzo e alcuni di questi obiettivi (l’F-57-5.6 28-70mm, l’F1.4 da 35mm e il 24-70, per esempio), possiedono varie stranezze in termini di qualità ottica o velocità AF. Altri, come l’F4 da 24-105 mm e l’F1.4 da 24 mm sono fantastici invece.

Questi sono tutti sistemi giovani quindi, oltre a verificare se esiste l’obiettivo che vuoi, probabilmente vale la pena controllare le loro prestazioni.
L’ F4 24-105mm di Canon sembra molto buono. È veloce e silenzioso per mettere a fuoco ed è stato ottimizzato per il video. Ma i suoi 35mm F1.8 e 50mm F1.2 non sono così scattanti, sia perché hanno una messa a fuoco lunga (il 35mm è una Macro) sia perché usano motori di messa a fuoco ad anello più adatti alle DSLR.

Con Nikon la storia è simile. Il 24-70mm F4 è un solido zoom a tutto tondo, ma il bokeh sul 50mm F1.8 non è esattamente attraente, il che è deludente su un 50 / 1.8 che costa $600. Inoltre, è interessante notare che gli obiettivi nativi con attacco Z sembrano focalizzare più lentamente di alcuni obiettivi con attacco F progettati per le DSLR.

La volontà di Sony di condividere le specifiche della sua montatura significa un livello crescente di supporto da parte di produttori di terze parti.
Come il 28-75mm F2.8 di Tamron e l’ F2.8 35mm di Samyang, fino agli obiettivi DSLR modificati di Sigma e una serie di lenti a fuoco manuale di nicchia di produttori più piccoli , come Venus Optics. Sarà interessante vedere quali di questi sono stati modificati per funzionare con i montaggi RF e Z, ma nessuno degli altri produttori di fotocamere sembra favorevole a questo processo.

In definitiva, sono tutti sistemi giovani, quindi oltre a verificare se l’obiettivo che si desidera esista, probabilmente vale anche la pena di fare qualche ricerca sulle loro prestazioni. O forse scegliere di aspettare per vedere come si sviluppa ogni sistema.

Core features

Le tre fotocamere hanno alcune somiglianze, ma c’è anche una divergenza di specifiche che suggerisce che nessuno dei produttori abbia ancora capito chi sia il target e di cosa abbia bisogno.

Sia la Sony che Nikon offrono sensori da 24 MP (che potrebbero essere piuttosto simili a parte, forse, differenze nel phase-detection layout e nella mascheratura). La Canon offre una variante del sensore Dual Pixel 30MP utilizzato sulla EOS 5D IV. La differenza tra 24 e 30MP è piuttosto piccola: l’11% in ogni direzione, ma il design Dual Pixel offre qualcosa di distintivo.

La Sony ha più manopole di controllo, mentre le altre due hanno le impostazioni sulla piastra superiore. Tutte e tre le fotocamere sono solidamente costruite e hanno impugnature molto comode, e ognuna promette un certo grado di impermeabilizzazione. La principale differenza di gestione è il modo in cui le fotocamere ti consentono di scegliere il punto AF:

AF JoystickTouchscreen AFTouchpad AF
Canon EOS RNOSISI
Nikon Z6SISINO
Sony a7 IIISISISI

Tuttavia, mentre il touchscreen della a7 III può essere utilizzato per il controllo del punto AF, è il meno utilizzato per altre funzioni. Sia Canon che Nikon invece offrono un controllo tattile più ampio di menu e impostazioni, offrendo un’esperienza più coerente.

Un’altra differenza è che Sony utilizza ancora un mirino da 2,36 M e uno schermo posteriore da 0,9 M, mentre Nikon e Canon ne hanno uno da 3.68 milioni di punti e da 2.1 M. Infine, l’a7 III ha una batteria molto più grande rispetto agli altri due, dandogli un enorme vantaggio.

Ritratti

La nostra scelta: Sony a7 III

Chiunque arrivi da una DSLR rimarrà probabilmente impressionato dai ritratti di queste fotocamere. Possono tutte mettere a fuoco con precisione, anche quando si utilizzano punti AF decentrati con un livello di coerenza che le DSLR non possono eguagliare, e lo faranno anche se si sceglie di scattare con una profondità di campo ridotta.

La Sony è la più facile delle tre per i ritratti. L’AF per la rilevazione dell’occhio esiste già da un pò, ma l’implementazione di Sony è estremamente impressionante per la sua capacità di identificare e seguire tenacemente gli occhi dei soggetti. Canon Pupil Detection non è così ostinato e funziona solo per l’acquisizione AF singola, richiedendo che il soggetto rimanga molto più immobile. Tuttavia fa il suo lavoro.

La Nikon è la più debole in questo senso. Il suo Face Detection non si concentra specificamente sugli occhi, quindi può capitare una messa a fuoco errata quando si lavora a diaframmi aperti. Il suo punto AF è efficace in alcune situazioni, ma il più piccolo sistema “Pinpoint AF” è solo a rilevamento di contrasto, che può essere troppo lento, sia per posizionarsi che per mettere a fuoco.

La Sony ha la velocità di sincronizzazione flash più veloce, a 1 / 250 di secondo, ma la sincronizzazione ad alta velocità moderna e la compatibilità delle altre fotocamere con i rispettivi trigger di radiofrequenza possono superare questo piccolo vantaggio di 1/3 EV.

Storicamente gli skintones JPEG di Canon sono stati ampiamente ammirati (sebbene gli altri due marchi stiano riducendo questo gap). Questo potrebbe non fare alcuna differenza per te ma se hai un flusso di lavoro Raw ben affinato potrebbe.

La dimensione leggermente più piccola di una Sony a7 III con qualcosa come l’85mm F1.8 potrebbe renderlo un tocco meno intimidatorio rispetto alle altre fotocamere più grandi, ma è davvero l’Eye-AF che fa sì che la Sony si distingua dalla massa per la ritrattistica.

Sports and Wildlife

La nostra scelta: Sony a7 III

Nessuna di queste fotocamere è pensata principalmente come una fotocamera per sport o naturalistica, ma è giusto considerare quanto bene possano dilettarsi.

Il sistema di inseguimento di Sony è il più veloce e affidabile dei tre. Anche la Canon fa bene, anche se con un frame rate molto più lento, mentre la Nikon Z6 combatte con un’interfaccia imbarazzante e un riconoscimento del soggetto in qualche modo inaffidabile. In modalità più semplici, cercando di mantenere manualmente un punto AF sul soggetto, le prestazioni sono più simili e tutti e tre fanno un lavoro ragionevole di aggiornamento del mirino per consentire di seguire l’azione.

Sia Sony che Nikon fanno un buon lavoro di bilanciamento tra velocità di scatto e capacità del buffer a seconda del formato SD. La Canon scatta abbastanza facilmente ma a circa metà della velocità degli altri due.

Non sorprende che Sonysi distingua sui teleobiettivi nativi, con il 100-400mm GM che è particolarmente buono. Le altre due fotocamere fanno un lavoro decente guidando i rispettivi tele per DSLR.

Nel complesso, vediamo la Sony come la più affidabile per gli sport e la natura, con gli altri due in ritardo, sia nell’affidabilità AF che nella velocità di scatto.

Wedding and Events

I cartellini dei prezzi di queste fotocamere fanno chiaramente capire che non sono prodotti professionali nella loro gamma, ma le fotocamere come la Nikon D750 hanno sollevato le aspettative su ciò che dovrebbe essere possibile con questi prezzi. È giusto valutare quanto si comportano bene come seconde fotocamere per un professionista.

La natura irripetibile dei matrimoni è uno dei pochi argomenti forti per preoccuparsi del numero di slot per schede di una fotocamera. Che si tratti di foto / video separati o della tranquillità che i backup ridondanti portano, i matrimoni sono una delle aree in cui gli slot per schede doppie di Sony danno un reale vantaggio.

La durata della batteria gioca ancora un ruolo importante quando si scattano matrimoni ed eventi perché anche se ci vuole solo un secondo o due per scambiare le batterie, la necessità di ricaricare i pezzi di ricambio finisce semplicemente per aggiungere un’altra operazione pre-evento. Ci si può aspettare che la Sony offra circa il doppio della durata della batteria della Nikon e quasi tre volte quella della Canon.

Le prestazioni AF della Sony, sia in termini di Eye-AF, di inseguimento del soggetto o di scarsa illuminazione, sono le più flessibili e affidabili delle tre. La EOS R continua a funzionare in condizioni di luce molto scarsa, il che è una grande risorsa per questo tipo di lavoro, rendendo EOS R e 50mm F1.2 un’opzione allettante, anche se probabilmente come seconda fotocamera.

La gamma di obiettivi nativi di Sony include più delle classiche lenti rispetto ai nuovi sistemi RF o Z. Detto questo, sia la Canon che la Nikon sono compatibili con le versioni con montatura DSLR di questi obiettivi se già li possiedi (in genere non raccomandiamo l’acquisto di obiettivi DSLR appositamente per adattarli a un nuovo sistema).

Video

La nostra scelta: Nikon Z6

Tutte e tre le fotocamere promettono video 4K, ma si tratta dell’unica cosa che hanno in comune. La Canon è chiaramente la più debole delle tre in quanto ricava il suo video da una porzione ritagliata di 1.83x del suo sensore.

Sia la Sony che Nikon utilizzano l’intera superficie dei loro sensori, fornendo un video dettagliato e notevolmente oversampled. Entrambi hanno caratteristiche come il focus peaking e lo zebra warnings, per aiutare a monitorare la messa a fuoco e l’esposizione, anche se la Nikon non può fare entrambe le cose contemporaneamente. Entrambe le fotocamere sono analogamente buone con l’AF video.

La Nikon permette di mantenere le impostazioni di esposizione separate per immagini fisse e video. Ti dà anche la possibilità di usare diverse impostazioni di bilanciamento del bianco e colore. Inoltre, ti consente di definire un i-menu diverso. E, in comune con la Sony, ti consente di definire diversi pulsanti personalizzati. Tutto ciò rende la Nikon la più semplice del trio per il passaggio tra i due metodi di ripresa.

Ovviamente, se cerchi davvero qualcosa di focalizzato sui video, l’E-mount di Sony è l’unico sistema dei tre che attualmente dispone di obiettivi video e videocamere professionali.

Paesaggi

La risoluzione e la gamma dinamica sono i fattori critici di qualità dell’immagine per le riprese di paesaggi. La Canon ha il vantaggio in termini di risoluzione, mentre Sony (nella modalità Raw non compressa, perlomeno) vince in termini di gamma dinamica. La Nikon è un pò dietro la Sony in questo senso, poiché un leggero banding può essere rivelato dalle ombre profonde se si tenta di utilizzare la sua gamma dinamica completa.

La Sony è l’unica che può essere alimentata tramite USB mentre viene utilizzata, che è in un certo senso ironico poiché è quella che dura più a lungo con la propria batteria. Tutte e tre le fotocamere possono essere caricate tramite USB.

Abbiamo anche trovato la Nikon la più facile delle tre a funzionare indossando i guanti
La Nikon ha un intervallometro e una modalità time-lasse molto sofisticate, cose che mancano alle altre due. Canon e Sony non offrono controlli per gli scatti a intervalli , il che è un vero peccato per l’a7 III, proprio perchè può essere alimentata da una fonte USB esterna.

La Canon è l’unica a necessitare di lenti stabilizzate se non si dispone di un treppiede, poiché le altre due hanno la stabilizzazione nel corpo.


Potete trovare l’articolo completo qui.